Non sussiste una regolamentazione ordinaria generale, né speciale, da applicare alla famiglia di fatto. L'unico modo per ottenere una tutela, ad oggi, è quello di autoregolamentarsi mediante la stipulazione di patti, diretti a disciplinare taluni aspetti di natura patrimoniale al fine di evitare conflitti durante il menage oppure al momento della cessazione del rapporto e in modo da garantire i diritti successori anche al partner.

L’accordo di convivenza è un contratto atipico con il quale i conviventi “more uxorio” possono disciplinare molteplici aspetti patrimoniali del proprio menàge, sia all’inzio che al termine del rapporto di convivenza.

Il contratto di convivenza, in particolare, avrà ad oggetto:

Altri effetti patrimoniali.

Adempimenti

Gli accordi possono avere la forma di scrittura privata, anche autenticata e registrata.

Per una consulenza di mediazione o la redazione di un accordo di convivenza, chiedete un consulto on line o un appuntamento nella sezione "CHIEDI ALL’AVVOCATO .